feed rss facebook twitter youtube
 

libera critica cinematografica

 
 
 
 
roll
drag
Locandina
 
 
 
locandina
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Consigli
 
 
 
Recensione Sul Ring
A Dangerous Method
  • Contro Il pessimo metodo
  •  
  • A favore La violenza della psicoanalisi
  • Sara Troilo Vs. Keivan Karimi
 
 
 
 
 
 
Recensione Sul Ring
Uomini che odiano le donne
  • Contro Sherlock Holmes a caccia di misogini (la redattrice non ha letto il romanzo)
  •  
  • A favore Panni sporchi di svastiche (la redattrice ha letto il romanzo)
  • Chiara Orlandi Vs. Sara Troilo
 
 
 
 
 
 
Recensione Sul Ring
  • Contro Come ti ammazzo il mito
  •  
  • A favore La dolce ossessione di Spielberg per gli alieni contagia anche Indiana
  • Sara Troilo Vs. Francesca Paciulli
 
 
 
 
 
 
Recensione Sul Ring
Juno
  • Contro La storia dell'embrione con le unghie e di sua mamma che graffia più di lui
  •  
  • A favore Quando decidere non è un gioco da ragazzi
  • Sara Troilo Vs. Paola Galgani
 
 
 
 
 
 
Recensione Sul Ring
Un bacio romantico - My Blueberry Nights
  • Contro I mirtilli non dovrebbero suonare il piano
  •  
  • A favore Irresistibile e stucchevole come una torta ai mirtilli
  • Antinoo Vs. Sara Troilo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Ultimi Upload
 
Editoriali
 
Vignette
 
Schede
 
 
 
Scheda 1
Need for Speed
  • di Scott Waugh
  • dal 13 03 2014
  • genere Azione
  • tipo Road Movie
 
 
 
 
 
Recensioni
 
 
 
Recensione 1
A Royal Weekend
  • di Roger Michell
  • dal 10 01 2013
  • genere Commedia
  • tipo Storico
  • Roberta Folatti
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
Speciali
 
31 05 2012
 
 
 
 
 
Rubriche
 
01 04 2012
 
 
Rubrica 1
Premi Oscar, All'Accademy l'inglese non va più di moda
  • tipo Fuori sincrono
  • Keivan Karimi
 
 
 
 
Cloache
 
 
 
Recensione Nella Cloaca
Cosmopolis
  • Sciacquone E se invece che i capelli la tagliassimo corta?
  •  
  • Antinoo
 
 
 
 
Ring
 
 
 
Recensione Sul Ring
A Dangerous Method
  • Contro Il pessimo metodo
  •  
  • A favore La violenza della psicoanalisi
  • Sara Troilo Vs. Keivan Karimi
 
 
 
 
News
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
Info
 

Lady in the Water

Ring del 26 10 2006

 
 
    Dati
  • Questo ring è stato letto 9169 volte
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Contro

Recensione contro

The other side of the Story

di Emanuel Perico

"C'era una volta un uomo che , travestitosi da regista, decise di portare sullo schermo una bella fiaba, quella che raccontava ogni sera ai propri figli prima che prendessero sonno". Ed è proprio quello che è successo al pubblico di The Lady in the water: si è addormentato. Questa volta M. Night Shyamalan non ha fatto tutti i compiti. La Disney avrà tirato un respiro di sollievo, visto che ha rischiato di produrlo, ma a seguito di un litigio, il regista ha ben pensato di mollare la Buena Vista e di andare a fare danni alla Warner. Il risultato è una pellicola di rara noia, infarcita in ogni dove di banalità, retorica e vicende sconclusionate. Una ninfa di nome Story (probabilmente la metafora della Storia, che - come il suo personaggio - nella realtà non esiste) interpretata da una Bryce Dallas Howard monoespressiva (ben lungi da Manderlay) piomba nella vita di un custode di condominio, Cleveland (sì…è il nome del personaggio interpretato da Paul Giamatti), sbucando dalla piscina per salvarlo dal trauma della perdita della famiglia ("Benvenuti siòre e siòri alla sagra del cliché, venghino…." Ma uno per soffrire deve per forza perdere moglie e figli?) e aiutarlo a credere di nuovo in sé stesso, negli altri.
A sua volta, però, lui deve aiutare lei a tornarsene nel Mondo Azzurro (ma un nome meno banale no, eh?) da cui proviene, stando attento a non finire preda di creature mostruose che se ne stanno acquattate nell'erba.
Il tutto condito da un corollario di personaggi, a loro modo interessanti e accattivanti (ad esempio il tizio che per qualche assurdo esperimento allena solo la metà destra del corpo o il gruppo di allucinati che passano le giornate parlando di banalità e fumando canapa o ancora l'uomo che vive risolvendo cruciverba) ma con psicologie piatte, solo vagamente abbozzate e che quindi faticano a fare presa sul nostro immaginario impedendoci di affezionarci a loro. Stessa sorte riservata anche ai protagonisti, dalle caratteristiche appena tratteggiate e con i quali risulta proprio difficile identificarsi.
Il plot non sarebbe nemmeno tanto male, ma M. Night Shyamalan si è stranamente dimenticato di dare alla trama un po' di  tensione (che non è però il bieco trucchetto di far spuntare all'improvviso dal niente qualche mostro col chiaro intento di farci sobbalzare sulla sedia). Tutto scorre piatto e lineare davanti ai nostri occhi e ogni volta che si pone un quesito, viene risolto esattamente trenta secondi dopo.
E' come se il mago, dopo aver fluttuato nell'aria, ci mostrasse i fili che lo sostenevano.
Quando Cleveland, ad esempio, cerca lumi riguardo alla Narf (la creatura della piscina), la prima persona che incontra (una studentessa cinese) gli rivela per filo e per segno la vicenda della ninfa: ovvero trattasi di una vecchia leggenda orientale che veniva tramandata come favola della buonanotte (ohibò!). Risulta incomprensibile, poi, come al primo accenno del preoccupato guardiano riguardo alla faccenda, tutti gli credano sulla parola e senza il benché minimo dubbio, accettano di aiutarlo in questa bizzarra impresa. In uno slancio di egocentrismo il regista, anziché il solito cameo, si ritaglia una parte a dir poco pretenziosa, ovvero lo scrittore che sarà il prescelto al quale Story dovrà fare una rivelazione: diventerà il padre nientepopòdimeno che di un futuro presidente degli Stati Uniti.
Ironica ma alquanto forzata la figura del critico cinematografico spocchioso e pieno di boria che viene, alla fine, dilaniato dai mostri dell'erba, quasi a voler insinuare che gli addetti ai lavori sono quasi sempre stati impietosi nei confronti dei suoi film e qui li si vuole punire in una sorta di contrappasso dantesco.
Per non parlare del bambino, guarda caso metafora dell'innocenza e quindi capace di vedere le cose con altri occhi (ho un déjà vu chissà come mai?), che codifica i segni leggendo il significato sulle scatole di cereali. A dir poco imbarazzante il passaggio in cui Paul Giamatti deve "ritornare bambino", recuperando l'antica purezza per farsi raccontare il finale della leggenda dalla madre dell'inquilina cinese. E ancora: tutte le persone invitate alla festa finale, da dove sono uscite? E durante il giorno dove se ne stanno?
Il film procede così, inesorabilmente inchiodato su due binari dai quali risulta difficile spostarsi e perciò senza particolari sorprese. D'accordo, stiamo parlando di una fiaba e quindi non tutto può essere verosimile o possibile (e viceversa), ma che fine hanno fatto quei bei racconti da brividi dei nonni che ci facevano rimanere tutta la notte con il lenzuolo tirato sopra la testa?
Manca addirittura il colpo di scena finale, marchio di fabbrica di casa Shyamalan, al quale ci aveva abituati dai tempi de Il Sesto Senso (ma che già da Unbreakable diventa prevedibile e arrivati a The Village sembra quasi fastidioso), e ci rendiamo conto, sentendoci in qualche modo traditi (o peggio, presi in giro), che per tutta la durata del film non è successo assolutamente niente. Si insinua impietoso e logorante il sospetto che il suo primo film sia da attribuire al "Fattore C" e pare quantomeno fuori luogo l'epiteto di "novello Spielberg" con il quale veniva etichettato da qualcuno tempo fa.
Insomma M. Night Shyamalan non riesce a decidere se vuole farci paura, farci ridere o farci commuovere. In una cosa è comunque riuscito: ci ha fatti sbadigliare non poco, e nell'acqua è rimasto solo un gran bel buco. Riprovaci ancora M. Night.

 
 
 
 
 
 
roll
drag
A favore

Recensione a favore

Acque profonde

di Nicola Bassano

È prima di tutto un grande narratore, M. Night Shyamalan, regista trentaseienne di origini indiane giunto al suo quinto lungometraggio dopo gli ottimi successi - commerciali e di critica - di Il sesto senso (1999), Unbreakable (2000), Signs (2002) e The village (2004). Anche questa volta, con il film Lady in the water, Shyamalan, non si allontana dai territori a lui più congeniali, architettando una favola dark impreziosita da elementi fantastici, atmosfere inquietanti e riflessioni filosofiche mai scontate. Un marchio di fabbrica che tuttavia rischia, a lungo andare, di far sprofondare il regista nelle pericolose acque dell'autocitazione. La trama prende spunto da una fiaba inventata per le sue piccole figlie - pubblicata anche in un libro illustrato da Mark McCreery - a dimostrazione del fatto che tutto il materiale del film ha avuto una genesi molto spontanea, determinata dalla semplice esigenza di costruire una storia capace di emozionare e spaventare.
Il progetto - inizialmente proposto ai vertici della Disney e immediatamente scartato in quanto non in linea con le direttive artistiche dello studio - passò nelle mani della Warner Bros decisa a investire nella realizzazione della pellicola ben 75 milioni di dollari. Tutto ha inizio quando Cleveland Heep - interpretato dall'ottimo Paul Giamatti (Sideways, Cinderella Man, Il Negoziatore, ecc.) -  scopre che in fondo alle acque della piscina del condominio dove lavora come custode si nasconde una ninfa di nome Story. Questa - per il cui ruolo Shyamalan ha voluto riconfermare la protagonista di The Village, Bryce Dallas Howard - è costretta a nascondersi per sfuggire agli "scrunt", mostruose e feroci creature verdastre, decise a impedire il suo ritorno a casa. Story è una "narf", creatura acquatica giunta dal "Blue World" per illuminare interiormente il genere umano, rendendolo consapevole del proprio destino.
A questo punto entrano in scena tutti gli abitanti del condominio che, presa coscienza dell'importanza della missione, si impegneranno per aiutare la ninfa a raggiungere il suo scopo, e per far questo riceveranno da lei poteri speciali. Questo è Shyamalan, prendere o lasciare; i suoi film richiedono un atto di fede e uno sforzo immaginativo importante, rischiando per questo di apparire confusi e pretenziosi. L'universo entro cui muove i suoi personaggi deve la sua forza all'originalità della struttura; originalità mai fine a se stessa e sempre mossa da forti motivazioni didattiche che scorrono sottotraccia. Ciò che più interessa al regista è lanciare dei messaggi utilizzando le armi - o meglio i cliché -  del film di genere; messaggi che, come nei lavori precedenti, cercano di stimolare lo spettatore al recupero dell'innocenza perduta. Ancora una volta il meccanismo narrativo è basato sulla metafora come pretesto per parlare di tematiche attuali.
Se in The Village la società sceglieva l'allontanamento volontario per preservarsi dai mali della modernità, ora reagisce compatta perché consapevole della propria forza. Ma se nelle precedenti pellicole il regista ci aveva abituati al colpo di scena finale, qui cerca di concentrarsi maggiormente sulla costruzione dei personaggi, creando un'atmosfera equilibrata, aiutato in questo dall'ottimo montaggio di Barbara Tulliver. L'apparizione di Story, rivoluziona le vite dei protagonisti, li rende finalmente consapevoli del ruolo che hanno nella società, risveglia in loro la volontà di credere fermamente nei propri principi e li spinge a lottare per preservarne il valore. Affrontando le sue paure, l'uomo, prende coscienza dei problemi che affliggono il mondo, diventando così l'unico artefice della propria salvezza. Come direttore della fotografia Shyamalan ha voluto fortemente Christopher Doyle, pupillo di Wong Kar Wai con il quale ha magnificamente collaborato per le pellicole Hong Kong Express e In the mood for love. Dopo una severa bocciatura da parte della critica americana - secondo cui Shyamalan ha oramai perso il suo tocco magico - Lady in the water ha incassato negli Stati Uniti solo 41 milioni di dollari.
A due anni di distanza dalle riflessioni utopistiche di The Village, M. Night Shyamalan porta sullo schermo una favola dal forte impatto emotivo, metaforicamente stratificata e esteticamente impeccabile. Ancora una volta, il regista - supportato da un cast tecnico di primissimo livello -  ci regala un film di genere capace di scavare tra le paure più profonde e inquietanti dell'uomo per contrastare la sua progressiva perdita di speranza e d'immaginazione.

 
 
 
 
 
 
roll
drag
Commenti
 

I lettori hanno scritto 6 commenti

 
 
utente
alice
  • indirizzo IP 87.6.189.142
  • data e ora Giovedì 26 Ottobre 2006 [12:27]
  • commento anche a me non è piaciuto molto.. però è impareggiabile la scena della "morte del critico", poco velata mazzata ai critici che stroncano le storie sulla base degli stereotipi narrativi.. fa ridere
 
 
 
 
 
utente
diego
  • indirizzo IP 193.205.125.2
  • data e ora Venerdì 10 Novembre 2006 [12:43]
  • commento ma scherziamo? questo è un filmone, denso di metafore...io ce ne ho trovate molte..certo se dopo vogliamo solo guardare alla storia in sè allora anch'io lo recensirei come perico..ma sarebbe infantile
 
 
 
 
 
utente
Luigi
  • indirizzo IP 151.52.5.114
  • data e ora Venerdì 10 Novembre 2006 [12:54]
  • commento Bah, io trovo infantili le metafore di Shyamalan, pensa tu. I suoi film li trovo ormai da tempo abbastanza semplici e banali.
 
 
 
 
 
utente
gioan
  • indirizzo IP 213.82.25.130
  • data e ora Lunedì 04 Dicembre 2006 [11:48]
  • commento La scena della morte del critico non è "poco velata", ma talmente esplicita da essere imbarazzante...
 
 
 
 
 
utente
Tetsuo
  • indirizzo IP 84.221.68.173
  • data e ora Domenica 07 Gennaio 2007 [15:35]
  • commento Dai, Scemalian non è capace. Anche se dal baratro di Signs, e lo schifo di The Village, ha fatto qualche passo avanti. Magari tra 3 film ne rifarà uno buono.
 
 
 
 
Pagine: 1 2
 
 
 
 
 
 
 
Partecipa 
 

Cosa aspetti a diventare un utente registrato?

Queste funzioni sono abilitate soltanto per gli utenti registrati. Si possono votare i film ed esprimere opinioni su registi, attori o su qualunque altro aspetto riguardante le pellicole, si può commentare quanto scritto nelle recensioni e negli articoli e concordare o dissentire. Gli utenti registrati hanno inoltre accesso a molte altre funzioni personalizzate sul sito. Basta un minuto, registrati e fai sentire la tua voce.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
help
Pubblicità
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ti piace anche la musica ? Countdown refresh: 0 sec.