feed rss facebook twitter youtube
 

libera critica cinematografica

 
 
 
 
roll
drag
Locandina
 
 
 
locandina
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Trama

Trasferitosi in un appartamento d'epoca, Pietro scopre di non essere l'unico a viverci.

 
 
 
 
 
roll
drag
Voti

Il voto del redattore

  • voto
  • 3.5/5
  • valutazione
  • Ozpetek torna al cinema con un fantasioso omaggio alla recitazione.
  •  
 
votovotovotovoto
 
 
 

Il voto dei lettori

  • voto medio
  • senza voto
  • numero votanti
  • Questo film è stato votato da 0 lettori
  •  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Consigli
 
 
 
Recensione 1
Posti in piedi in Paradiso
  • di Carlo Verdone
  • dal 02 03 2012
  • genere Commedia
  • tipo Comico
  • Maria Cristina Caponi
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
 
Recensione 2
Le amiche della sposa
  • di Paul Feig
  • dal 19 08 2011
  • genere Commedia
  • tipo Comico
  • Filippo Cannizzo
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
 
 
Recensione 3
Be Kind Rewind - Gli acchiappafilm
  • di Michel Gondry
  • dal 23 05 2008
  • genere Commedia
  • tipo Comico
  • Marina Zabatino
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
 
Recensione 4
Grande, grosso e... Verdone
  • di Carlo Verdone
  • dal 07 03 2008
  • genere Commedia
  • tipo Comico
  • Elena De Dominicis
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
 
 
Recensione 5
Tamara Drewe - Tradimenti all'inglese
  • di Stephen Frears
  • dal 05 01 2011
  • genere Commedia
  • tipo Comico
  • Roberta Folatti
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Ultimi Upload
 
Editoriali
 
Vignette
 
Schede
 
 
 
Scheda 1
Need for Speed
  • di Scott Waugh
  • dal 13 03 2014
  • genere Azione
  • tipo Road Movie
 
 
 
 
 
Recensioni
 
 
 
Recensione 1
A Royal Weekend
  • di Roger Michell
  • dal 10 01 2013
  • genere Commedia
  • tipo Storico
  • Roberta Folatti
 
votovotovotovoto
 
 
 
 
 
Speciali
 
31 05 2012
 
 
 
 
 
Rubriche
 
01 04 2012
 
 
 
 
 
Cloache
 
 
 
Recensione Nella Cloaca
Cosmopolis
  • Sciacquone E se invece che i capelli la tagliassimo corta?
  •  
  • Antinoo
 
 
 
 
Ring
 
 
 
Recensione Sul Ring
A Dangerous Method
  • Contro Il pessimo metodo
  •  
  • A favore La violenza della psicoanalisi
  • Sara Troilo Vs. Keivan Karimi
 
 
 
 
News
 
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
Info

Magnifica presenza

di Ferzan Ozpetek

 
    Dati
  • Titolo originale: Magnifica presenza
  • Soggetto: Federica Pontremoli, Ferzan Ozpetek
  • Sceneggiatura: Federica Pontremoli, Ferzan Ozpetek
  • Genere: Commedia - Comico
  • Durata: 115 min.
     
  • Nazionalità: Italia
  • Anno: 2012
  • Produzione: Fandango, Faros Film, Rai Cinema
  • Distribuzione: 01 Distribution
  • Data di uscita: 16 03 2012
 
 
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Recensione

In una magnifica presenza l?omaggio di Ozpetek alla recitazione

di Anna Romana Sebastiani

Ferzan Ozpetek torna sul grande schermo con una storia in cui l’immaginario riesce a confondersi dolcemente con una realtà spesso crudele, la quale non lascia scampo agli eterni inseguitori dei propri sogni.
Magnifica Presenza intreccia realtà e finzione, proponendo una vecchia dicotomia del cinema in chiave moderna ed esistenziale; lungi dallo scivolare su tracciati già visti, il regista focalizza la narrazione sul personaggio di Pietro (Elio Germano), aspirante attore siciliano trapiantato a Roma in cerca di fortuna. Attraverso gli occhi del giovane ingenuo e trasognato, il film ci svela un segreto misterioso nascosto nelle stanze della casa dove Pietro vive.
Il mondo del giovane si racchiude in fantasiose aspirazioni che lo distaccano fortunatamente da una società ingannatrice e ingiusta, rappresentata dalle situazioni reali ma insolite a cui va incontro. C’è il lavoro notturno nella pasticceria dove crea degli appetitosi cornetti, c’è il solo vero contatto umano dato dall’amicizia con sua cugina, persona scaltra e sempre pronta a fiutare l’occasione giusta per emanciparsi dal suo lavoro di segretaria, c’è infine l’incontro con un uomo rispettabile che di notte si trasforma in un’altra persona.
Il personaggio di Elio Germano è stupendo, ha qualcosa di immaturo e infantile che sfiora la purezza più che l’ingenuità; non si può non adorarlo e paradossalmente invidiarlo per la leggerezza che trasmette agli spettatori che lo seguono nella sua scoperta della città.
Pietro è forse uno degli ultimi sognatori rimasti, comico e corrivo negli intensi momenti che regala durante i suoi provini, non conosce la malizia, innamorato di un ragazzo di cui sa solo il nome, con cui ha vissuto una serata appassionata diversi anni prima, anela a una relazione inventata e impossibile, la sola che riesce a riempirlo di speranza e vitalità.
Nella dimora antica del quartiere Monte Verde dove ha scelto di vivere si materializza una “magnifica presenza”, qualcuno che lo rimanda al passato ed a un segreto appartenuto alla Storia.
Diversamente dai coinquilini precedenti, Pietro è la persona giusta per accettare i particolari ospiti, la sua propensione all’immaginazione gli fa assimilare facilmente l’illusione che in un’apparente assenza si nasconda in realtà una presenza.
Il gioco “realtà/finzione” permea anche i personaggi intrappolati in casa, attori teatrali del passato in cerca di una spiegazione perduta.
E proprio Pietro li aiuterà a riannodare i fili di una vicenda oscura che ha sospeso nel tempo la loro compagnia teatrale, in cambio di preziose lezioni di recitazione. Il cuore del film può riassumersi nella frase “il trucco è tutto”, pronunciata da uno degli inaspettati inquilini, a sottolineare l’importanza che nella vita assume la costruzione di una maschera personale e credibile con cui ci confrontiamo coi nostri interlocutori, siano essi spettatori o persone con cui instaurare una vera relazione. In fondo Ozpetek vuole ricordare come la nostra esistenza sia un grande palcoscenico, in cui prima o poi arriva il momento della scelta: mantenere per sempre la finzione o perseguire la verità, quindi la realtà, anche a costo della propria vita.
Il film è un grande omaggio al teatro italiano del secolo scorso, che volti noti del nostro cinema (Beppe Fiorello, Margherita Buy, Vittoria Puccini) hanno avuto l’onere di riproporre.
Vengono sfoggiati fastosi costumi dell’epoca, eleganti e impeccabili sul corpo dei protagonisti, e una nota nostalgica per le vecchie tecniche di recitazione trapela dalla narrazione di Ozpetek, una specie di dimensione antica capace di circondare gli attori con un lucore sublime quasi impossibile da riscontrare nella contemporaneità.
Nell’epoca dell’ “iper-realtà” offerta dalle tecniche digitali avanzate viene da domandarsi se nel Cinema qualcosa sia stato lasciato per strada, se la formalità del passato non nasconda invece lo stentoreo racconto delle pulsioni umane nel suo significato più intimo. A dimostrazione di ciò, il balletto improvvisato dal personaggio della cameriera dimostra di essere semplice e musicale allo stesso tempo, quasi imbarazzante per la spontaneità su cui è basato. Eppure profuma di realtà, di corpo vibrante, nonostante esso sia solo una “magnifica presenza”.
 
 
 
 
 
 
roll
drag
Commenti
 

I lettori hanno scritto 0 commenti

 
 
 
 
 
 
Partecipa 
 

Cosa aspetti a diventare un utente registrato?

Queste funzioni sono abilitate soltanto per gli utenti registrati. Si possono votare i film ed esprimere opinioni su registi, attori o su qualunque altro aspetto riguardante le pellicole, si può commentare quanto scritto nelle recensioni e negli articoli e concordare o dissentire. Gli utenti registrati hanno inoltre accesso a molte altre funzioni personalizzate sul sito. Basta un minuto, registrati e fai sentire la tua voce.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
help
Pubblicità
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ti piace anche la musica ? Countdown refresh: 0 sec.